25/12/13

I voti al mondiale 2013

Alonso passa vicino alle due Red BullIl 2013 è ormai agli sgoccioli. Ancora pochi giorni ed entreremo nel 2014. Quest’anno il mondiale di F1 può essere diviso in due parti: prima e dopo la pausa estiva. Nella prima di stagione è stato molto combattuto, mentre nelle ultime 9 gare c’è stato il dominio di Sebastian Vettel(Red Bull). Nel 2013 le gomme Pirelli non hanno reso le gare più emozionanti come nelle due passate stagioni. In quest’ultimo post del 2013(a meno che imprevisti) voglio dare i voti ai principali protagonisti del campionato.

Red Bull: 10
Adrian Newey ha “sfornato” l’ennesimo capolavoro. La RB9 è stata la macchina più veloce e affidabile del lotto. Come nel 2010 e 2012, anche quest’anno c’è stato il cambio di marcia dopo la pausa estiva.

Sebastian Vettel: 10
Nella prima parte della stagione il pilota tedesco ha vinto 4 gare su 10. La svolta è arrivata dopo la pausa estiva: 9 vittorie su 9. Alla fine è arrivato il quarto titolo consecutivo, il record di vittorie consecutive e il record di punti in una stagione. Credo che non ci sia più nulla da aggiungere. Siamo di fronte ad un campione.

Mark Webber: 7-
Il pilota australiano è stata la vera delusione del campionato. Webber aveva in pugno il gran premio della Malesia, ma Vettel l’ha beffato nonostante gli ordini di scuderia. Forse da questo episodio è iniziato il declino dell’australiano. Non è mancata nemmeno la sfortuna. Alla fine si rompeva solo la “sua” RB9 e mai quella di Vettel(a parte il gran premio di Gran Bretagna).

Mercedes: 8
Il team tedesco ha sfornato finalmente una monoposto competitiva. Nella prima parte di stagione la W04 è risultata la vettura più veloce in qualifica. Non a caso, Rosberg e Hamilton hanno conquistato 7 pole nelle prime 10 qualifiche. Il tutto veniva vanificato dal solito problema del consumo alle gomme posteriori, anche se quest’anno si è presentato di meno rispetto alle passate stagioni. Alla fine sono arrivate 3 vittorie.

Nico Rosberg: 7+
Il pilota tedesco ha perso il confronto con Lewis Hamilton in qualifica e nella classifica finale. Quest’anno sono arrivate altre due vittorie(a Monaco e in Gran Bretagna) dopo il primo successo in carriera lo scorso anno in Cina. Poteva fare di più.

Lewis Hamilton: 7½
Il pilota inglese si è confermato uno dei più veloci del circus. Ha conquistato 5 pole nelle prime 11 gare, ma alla fine ne ha vinto solo una(in Ungheria). Ha vinto il confronto con Rosberg sia in qualifica che nella classifica finale. E’ un gran pilota, ma merita una monoposto senza problemi per poter rendere al meglio.

Ferrari: 7-
La Ferrari sbaglia la monoposto per il terzo anno consecutivo. L’inizio è buono, con due vittorie(Cina e Spagna) nelle prime 5 gare. Dopo la vittoria spagnola inizia il declino e il team non fa nulla per fermarlo. Ha pesato molto anche la scarsa competitività in qualifica.

Fernando Alonso: 7+
Come il team. Ha iniziato bene, poi è stato “travolto” dalla scarsa competitiva della vettura e ha iniziato a fare polemica con chiunque. La cosa non è piaciuta ne al team ne ai tifosi. Nella seconda parte di stagione è sembrato quasi un separato in casa.

Felipe Massa: 6-
Il brasiliano ha iniziato il campionato un po’ meglio rispetto al 2012. Massa è stato spesso più veloce di Alonso in qualifica, ma poi in gara veniva sempre surclassato dallo spagnolo. Alla fine la non riconferma era prevedibile. Anzi, forse è arrivata con qualche stagione di ritardo. In Williams vedremo se è ancora un pilota competitivo.

Lotus: 7½
La squadra franco-olandese è partita bene con la vittoria di Raikkonen nella gara di apertura in Australia. La competitiva è rimasta fino alla pausa estiva, poi è iniziato il solito declino per mancanza di fondi. Come la Ferrari, ha pagato la scarsa competitività in qualifica. Mezzo voto in meno per come il team ha gestito la vicenda Raikkonen.

Kimi Raikkonen: 7½
Dopo l’ottimo 2012, il pilota finlandese si è confermato su buoni livelli anche nel 2013. Nella prima parte di stagione Raikkonen è stato uno dei più veloci in gara, ma alla fine è arrivata solo la vittoria nella prima gara. Non mi è piaciuta la polemica sui soldi con il team. Poteva gestire il suo addio alla Lotus.

Romain Grosjean: 8
E’ la vera sorpresa di questo campionato. Il pilota francese si è confermato veloce in qualifica, ma rispetto all’anno scorso è migliorato tanto in gara e non ha fatto errori. Nel 2014 può confermarsi, ma dipende molto dalla Lotus. Il team gli metterà a disposizione una macchina vincente?

McLaren: 6+
La scuderia inglese è la vera delusione del campionato. La McLaren ha chiuso il campionato senza nemmeno un podio. Non accadeva da anni. Button e Perez hanno potuto fare poco per la scarsa competitività della monoposto.

Force India: 7
Il team malese ha disputato una buona prima parte di stagione campionato. Nelle prime gare sono stati buttati al vento parecchi punti per colpa dell’inefficienza dei meccanici durante i cambi gomme. Dopo la pausa estiva il team è sprofondato in una profonda crisi tecnica.

Sauber: 7
Il team svizzero è partito malissimo, anche per colpa della mancanza di risorse economiche. Nella seconda parte di stagione Nico Hulkenberg ha portato spesso la Sauber nella top ten in qualifica e in gara. Alla fine sono arrivati 57 punti. Un bel bottino, considerando come era partita la stagione.

Toro Rosso: 6½
Il team si è confermato a centro gruppo. Ricciardo e Vergne hanno portato a casa 33 punti, sei in più rispetto alla passata stagione. L’arrivo di James Key non ha portato la svolta attesa.

Williams: 5
Il team di Frank Williams ha “sfornato” una monoposto disastrosa come quella del 2011. Solo 5 punti conquistati(come nel 2011). Una miseria. Nel 2014 potrebbe esserci la svolta con i motori Turbo Mercedes, ma il team deve migliorare dal punto di vista tecnico. Si sente l’assenza di Patrick Head.

Caterham e Marussia: 3
Due squadre inutili e senza nessuna prospettiva per il futuro. Piloti ingiudicabili. Non potevano dare nulla di più. Che senso ha tenere queste due scuderie sulla griglia di partenza?

0 commenti: