13/03/14

Un set di option in più nella Q3 e le altre novità regolamentari

Alonso nei test in Bahrain 2014Nel weekend parte il campionato di Formula 1 con tante novità regolamentari. L’ultima è stata annunciata dalla FIA pochi giorni fa per rendere più spettacolari la sessione finale delle qualifiche. I dieci piloti che si qualificano per la Q3 avranno a disposizione un set extra di gomme option(quello più morbido) che sarà poi restituito alla Pirelli dopo la sessione.

In gara si partirà con il set di gomme usato per segnare il miglior tempo in Q2. Un’altra novità riguarda la durata delle sessioni. La Q1 è stata accorciata di due minuti(da 20 minuti si passa a 18) mentre la Q3 è stata estesa di due minuti(da 10 a 12 minuti) per permettere ai piloti di completare un run extra nell’ultima sessione. Le altre novità regolamentari:

Motori: V6 Turbo di 90 gradi da 1600cc con cambio semiautomatico a otto rapporti. Saranno limitati a 15.000 giri al minuto e dovranno durare almeno 4.000 km, il doppio rispetto a prima. Se ne possono utilizzare 5 in una stagione, al sesto penalità.

Penalità: E’ stata introdotta la patente a punti. Si parte con 12 punti da gestire per l’intera stagione. Chi arriverà ad averne zero salterà il successivo gran premio.

Aerodinamica: Musetti più bassi rispetto al passato(da 55 a 18,5cm), ridotta la larghezza dell’alettone anteriore e la dimensione dell’ala posteriore. Gas di scarico riuniti in un unico tubo di diametro variabile(da 98 a 134mm). Peso minimo delle vetture sale a 690kg(+48).

Elettronica: C’è un nuovo sistema, ERS; per recuperare energia che sostituisce il KERS. L’unità ERS cattura il calore di scarto dissipato dal turbo compressore nei gas di scarico, utilizzando un apparecchio elettrico chiamato Heat Motor Generator Unit.

Punti doppi: Nell’ultima gara(in programma ad Abu Dhabi) raddoppiati i punti sia per il Mondiale piloti che per quello costruttori. Quindi 50 punti al primo,36 al secondo e così via.

Numeri di gara: Ogni pilota si sceglie un numero dal 2 al 99. Il numero 1 spetta di diritto al campione del mondo in carica che può decidere se usarlo o meno. A questo link la numerazione ufficiale dei piloti 2014.

0 commenti: