29/08/16

Colpa di Vettel l’incidente alla prima curva?

L'incidente tra Vettel, Raikkonen e VerstappenIl gran premio del Belgio ha riportato sul gradino più alto del podio Nico Rosberg. Il pilota della Mercedes non vinceva dal gran premio dell’Azerbaijan del 19 giugno 2016. In quell’occasione al secondo posto si piazzò Sebastian Vettel con la Ferrari. Quel giorno il quattro volte campione del mondo non pensava che nelle successive cinque gare non sarebbe più salito sul podio. E’ il momento più nero da quando Vettel è approdato alla Ferrari. La Scuderia di Maranello, infatti, non sale sul podio da ben quattro gare: l’ultimo è il terzo posto di Kimi Raikkonen nel gran premio d’Austria.

A Spa si era presentato una buona occasione per finire la gara tra i primi tre, ma tutto è stato vanificato dal triplo contatto alla prima curva tra Vettel, Raikkonen e Max Verstappen. Per i media il responsabile dell’incidente è il giovane olandese della Red Bull, autore di una mega staccata per recuperare posizioni dopo una pessima partenza dalla prima fila. Guardando le immagini dall’alto però si nota che Vettel, autore di un gran partenza, fa la traiettoria della prima curva come se fosse in qualifica, non lasciando sufficiente spazio al compagno di squadra Raikkonen. Il resto è noto a tutti: le due Ferrari si toccano per prime, poi arriva anche un contatto tra Verstappen e Raikkonen. Gara rovinata per tutti e tre, salvata in parte grazie all’ingresso della safety car per l’incidente di Kevin Magnussen(Renault). Chi è il responsabile? La verità è che senza il “kamikaze” Verstappen all’interno, l’autoscontro tra i due ferraristi ci sarebbe stato lo stesso. Vettel doveva allargare un po’ per lasciare spazio al compagno di squadra Raikkonen. Non a caso, il quattro volte campione del mondo è stato ripreso dal team principal Maurizio Arrivabene a fine gara. La Ferrari ha buttato al vento un’altra buona occasione per ritornare sul podio. Tra sei giorni ci sarà il gran premio d’Italia a Monza, la Ferrari spera di fare una bella figura. Il rischio è di chiudere la stagione senza vittorie come nel 2014.

0 commenti: