12/11/16

Formula E: A Marrakech vince Buemi

Sebastien Buemi ha vinto l'ePrix a MarrakechA Marrakech c’è stata la seconda gara della stagione 2016-2017 di Formula E, la serie automobilistica ideata dalla Federazione Internazionale dell’Automobile e dedicata a veicoli spinti da motori elettrici. La gara è stata vinta dal pilota svizzero Sebastien Buemi, della squadra e.dams Renault. Secondo posto per Sam Bird(Virgin). Sul gradino più basso del podio ha chiuso Felix Rosenqvist(Mahindra Racing).

Buemi, autore del secondo tempo in qualifica, è stato retrocesso di 5 posizioni in griglia per l’estintore sottopeso di 3,25 kg sulla sua vettura. Al via il poleman Rosenqvist mantiene la prima posizione davanti a Bird, Jean Eric Vergne(Techeetah), Nelson Piquet Jr(Nextev), Daniel Abt(Audi Abt), Nicolas Prost(e.dams Renault) e Buemi. Al terzo giro Buemi supera il compagno di squadra Prost. Al settimo giro il campione in carica svizzero guadagna un’altra posizione ai danni di Abt. Al decimo in giro Prost supera Abt. Il giro dopo Buemi passa Piquet Jr. Lucas Di Grassi(Audi Abt), partito in 12esima posizione, è risalito al nono posto. Al 13esimo giro Vergne supera Bird. Il cambio vettura viene fatto tra il 16esimo e il 17esimo giro. Rosenqvist è sempre primo davanti a Vergne, Buemi, Bird, Prost, Abt e Di Grassi. Vergne viene sanzionato con un drive-trough, per aver passato il limite di velocità in pitlane. Al 25esimo giro Di Grassi supera il compagno di squadra Abt. Al 27esimo Buemi passa Rosenqvist e si porta in prima posizione. Al 31esimo giro il poleman perde un’altra posizione a favore di Bird. Quarto chiude Prost davanti alle due Audi Abt di Di Grassi e Abt. Settimo posto per Oliver Turvey(Nextev). Chiudono la top ten Vergne, Nick Heidfeld(Mahindra Racing) e Jose Maria Lopez(Virgin). Loïc Duval(Dragon Racing) è autore del giro più veloce in gara che vale 1 punto. Buemi guida la classifica con 50 punti, 22 in più di Di Grassi. Terzo è Prost con 24 punti. Il terzo gran premio si disputerà a Buenos Aires in Argentina il 18 febbraio 2017.

0 commenti: