30/06/17

Ron Dennis vende le sue quote e libera la McLaren dalla Honda

Le due McLaren-Honda nella gara a BakuRon Dennis ha ceduto il 25% del pacchetto azionario McLaren Group a Shaikh Mohammed bin Essa Al Khalifa e il Gruppo TAG di Mansour Ojjeh. Il tandem diventa l’azionista di maggioranza di McLaren Group. Dennis ha incassato qualcosa come 275 milioni di sterline, oltre 310 milioni di euro al cambio attuale. Al vertice del McLaren Group sarà lo sceicco Mohammed bin Essa Al Khalifa, presidente esecutivo nonché azionista di maggioranza affiancato da Mansour Ojjeh, che sarà presidente del Comitato esecutivo. L’uscita di Dennis apre nuovi scenari per il futuro del team di Formula 1.

La nuova maggioranza sembrerebbe avere molta fretta di concludere nel modo migliore possibile ogni relazione con la Honda. A Baku già erano girate voci sul possibile divorzio con il motorista giapponese al termine di questa stagione. La McLaren è interessata ai motori Mercedes per avere un pacchetto vincente nel 2018 e convincere Fernando Alonso a restare. La Honda ha già annunciato l’accordo con Sauber lo scorso aprile, ma il team di riferimento dei giapponesi potrebbe essere un altro. Nonostante la secca smentita arrivata da Claire Williams che ha confermato la volontà di proseguire il rapporto con la Mercedes, continuano le voci di un possibile cambio di fornitura se fosse proprio il motorista tedesco a chiederlo. La Mercedes passerebbe alla McLaren l’attuale fornitura Williams, e la Honda potrebbe arrivare con la sua Power Unit a Grove, garantendo anche i supporti economici destinati nell’ultimo triennio alla McLaren. La Honda ha già spinto le monoposto Williams dall’ultima gara del 1983 al 1987. Il sodalizio ottenne 22 vittorie, due titoli costruttori e un titolo piloti con Nelson Piquet nel 1987.

0 commenti: