08/08/18

Force India salvata da un consorzio di imprenditori

La Force India era finita in amministrazione controllata il venerdì del gran premio d'Ungheria. Ieri(7 agosto) gli amministratori hanno accettato l'offerta presentata da un consorzio di imprenditori guidata da Lawrence Stroll.

Le due Force India nel gran premio d'UngheriaIl team Force India è salvo. La buona notizia è arrivata ieri(7 agosto). Un consorzio di imprenditori diretto da Lawrence Stroll ha rilevato il team da Vijay Mallya. La Force India era finita entrata in regime di amministrazione controllata il venerdì del gran premio d’Ungheria. Gli ultimi due team a vivere una situazione identica erano stati Manor e Caterham, ed entrambe erano state costrette a chiudere con la Formula 1. Questo precedente ha fatto temere il peggio, ma alla fine gli amministratori hanno accettato l’offerta di acquisto di Stroll e soci.

Il consorzio di imprenditori è formato da sette persone: il padre di Lance Stroll, Andre Desmarais, Jonathan Dudman, John Idol, John McCaw Jr, Michael de Picciotto e Silas Chou. Saldare i debiti è la prima cosa che faranno i nuovi proprietari della Force India. In cima alla lista creditori ci sono la Mercedes, che fornisce le Power Unit all’ex team indiano, e Sergio Perez, ovvero coloro che avevano innescato la richiesta di pagamento che ha portato al regime di amministrazione controllata. La cosa più importante è che la Force India è salva, e con essa i 405 posti di lavoro che negli ultimi dieci giorni sono stati fortemente a rischio. L’operazione fatta da Lawrence Stroll serve per rilanciare la carriera del figlio Lance dopo la disastrosa stagione con la lentissima Williams. Chi sarà il compagno di squadra del canadese? Difficile dirlo. Potrebbe essere Perez, ma non è da escludere una riconferma di Esteban Ocon. Il giovane francese rischia di rimanere senza volante dopo l’annuncio dell’accordo tra Daniel Ricciardo e Renault. La carriera in Formula1 di Ocon può essere salvata solo dalla Mercedes. In che modo? Rinunciando ad una parte del credito che vanta dalla Force India.

0 commenti: