04/09/10

Nel 2013 tornano l’effetto suolo e i motori turbo

Lotus 78 Dopo tante discussioni, finalmente i team di Formula 1 hanno trovato l’accordo sul nuovo regolamento per la stagione 2013. L’assetto tecnico del futuro è stato definito. La maggioranza dei team ha dato il proprio consenso per il ritorno all’effetto suolo e dei motori turbo.

Dal 2013 il motore della Formula 1 sarà un 1.6 litri sovralimentato con un architettura a 4 cilindri. Dai calcoli fatti in laboratorio dovrebbe garantire una potenza di 650 cavalli. I team hanno proposto di utilizzare 5 propulsori per pilota a stagione. Per la cronaca, i motori turbo furono banditi a partire dalla stagione 1989.

L’effetto suolo è quel geniale sistema per incollare la monoposto al terreno sfruttando l’aria. Nel 1977 la Lotus 78(foto) di Colin Champman fu la prima monoposto a sfruttare l’effetto suolo. Il sistema fu abolito per motivi di sicurezza a partire dalla stagione 1983. I team di oggi fanno sapere che il sistema farà aumentare la forza fino al diffusore.

32 commenti:

  1. io spero, dal mio punto di vista, che ritornino dei motori turbo che ho avuto la fortuna di vedere dal vivo fino al 1987 ultimo anno a mio avviso dei veri motori turbo.
    Ricordo a proposito cosa disse gerhard berger quando si decise che il 1988 era l'ultimo anno dei turbo lui rispose che era dispiaciuto per l'abolizione di quel motore perchè per un pilota era magnifico avere un motore a razzo dietro la schiena e con + premevi il pedale dell'acceleratore con più andavi veloce perchè la potenza non finiva mai.
    Ora visto che ho vissuto quell'epoca e che mi è piaciuta immensamente dal punto di vista spettacolare ma sopratutto tecnico mi augurerei di rivedere delle gare con dei motori da almeno 1000 CV e vedere i piloti attuali come se la caverebbero con i veri Cv da dominare............
    Ma parliamo di voci FIA secondo le quali l'Ing.
    GILLES SIMON responsabile tecnico dei motori per la FIA avrebbe suggerito dei motori 4 cilindri con turbocompressore a 1,5 bar e strozzatura del flusso di carburante per ottenere circa 650 Cv.
    Be la prima considerazione che mi viene da dire è che se la f 1 usasse i motori già in essere alla Gp2 otterrebbe + Cv e anche quello che la FIA ha sempre velatamente espresso cioè motori uguali per tutti.......................
    Oppure cita questa normativa per ottenere a loro dire + sicurezza ma anche questo mi sembra una
    fesseria se i piloti che corrono in F1 sono capaci d'intendere e di volere sanno che ad ogni gara che vanno a disputarsi l'incidente ci può stare indipendentemente dai Cv del motore e ne sono del tutto consapevoli sono altresì capaci di togliere il piede dall'acceleratore se non se la sentono o non si mettano neanche in macchina se non si sentono sicuri
    Altrimenti dovrei dedurre che i piloti che corsero con quei motori erano dei semidei considerato che i telai erano molto meno sicuri di quelli attuali per non parlare dei circuiti che oggi hanno un grado di sicurezza decisamente + elevato di quelli su cui si disputavano i mondiali dal 1979 al 1988.
    Comunque per tornare alla tecnica ricordo alcune innovazioni importanti che stavano per avvenire sui turbo ricordo per esempio le turbine raffreddate ad acqua ( IHI su motore Honda)cielo dei pistoni con rivestimento ceramico (Honda )
    turbine a doppio stadio ( garrett su renault e ferrari )oltre ad alcune Wastegate dei vari motoristi.
    Per concludere si tira in ballo anche l'aspetto ecologico........inquinqmento, riduzione dei consumi, riciclo.....ecco appunto ma + riciclo di un grande Ing. come Paul Rosche progettista del + potente motore turbo mai costruito lui diceva sempre che per fare motori così potenti lui andava dai rottamai svizzeri e bavaresi a cercare i basamenti in ghisa dei modelli di serie della BMW 315-316 e 318 e poi li ri-incamiciava e dava vita ad un mostro di potenza che aveva in condizione qualifica 1500 Cv con l'ultima evoluzione per la Brabham bt 56 detta sogliola su cui purtroppo perì Elio de Angelis
    Adesso se ci vogliono far credere che con 650 Cv lo spettacolo ci sarà lo stesso bè ci crederanno solo loro.
    Un saluto a tutti gli appassionati di F1

    RispondiElimina
  2. Non ho vissuto quell'epoca. Ho iniziato a seguire la Formula 1 nel 1989, quando ritornarono i motori aspirati. Quel campionato e quello del 1990 sono stati i più avvincenti che ho visto. Più che sui motori, cambierei qualcosa sull'aerodinamica e sui freni. La F1 è diventata "famosa" per i sorpassi e e i gran duelli. Negli ultimi anni i sorpassi sono diventati impossibili per due motivi: è diminuito lo spazio di frenata e l'aerodinamica esasperata danneggia chi segue. Il discorso che fai tu è molto bello. Peccato che con l'elettronica di oggi anche un ragazzino controllerebbe facilmente 1500 cavalli. Ti confesso che un giorno mi piacerebbe vedere i motori elettrici sulle F1...

    RispondiElimina
  3. Caro Maxso mi spiace molto che tu non abbia potuto vedere quegli anni di vera autentica f1, vedi il mio commento vuole arrivare a far capire ai soloni tecnici che ci sono in fia (stranamente ex ferrari) che i penalizzati dalle scelte tecniche che a loro dire sono sempre stati attuati per la sicurezza sono i motoristi.
    Ora visto che vorrei farti capire l'importanza del ritorno ai motori turbo con 1000 cv e oltre ti faccio una domanda :
    Ma facendo queste scelte di penalizzare sempre i motoristi nelle varie fasi della f1 e privilegiando i telaisti e aerodinamici ti sembra che la f1 sia migliorata nelle gare fin qui disputate consentendo sorpassi bibblici come invece avveniva tra Senna e Mansell Senna e Prost Piquet Arnoux oppure tra Rosberg e Alboreto oppure Berger Cheever De Angelis ecc.ecc.
    All'epoca in questione per fare un sorpasso ti bastava chiudere la valvola Wastegate e improvvisamente avevi tra i 50 e i 110 cv per passare l'avversario che ti precedeva senza neanche prenderne la scia e non avevi problemi di flussi aerodinamici sporcati dalla vettura che ti precedeva lo passavi come se il tuo avversario fosse fermo magari ti ripassava in curva perchè era più agile di te in centro curva ma se tu ci pensi bene era comunque un'equilibrio
    tra le vetture la situazione attuale invece è deprimente per tutti i tecnici e i piloti che per fare un sorpasso o lo fanno ai box oppure devono aspettare che l'avversario sbagli ti sembra che sia spettacolare la cosa?
    Per quanto riguarda l'elettronica................
    io lavoro nel campo dell'elettronica e ti posso assicurare che anche negli anni 80 esisteva l'elettronica forse non sofisticata come adesso
    ma c'era già e i pattinamenti le scivolate esistevano comunque e ti vorrei rammentare che è già da 3 anni che il controllo di trazione non c'è più e con 1500 cv sotto il sedere li devi tenere giù sopratutto se piove...................
    Per finire anche a me da vecchio appassionato di f1 un giorno mi piacerebbe vedere l'evoluzione tecnica diciamo verdina..........................
    ma i motori elettrici mi sembra un'azzardo anche perchè la TESLA esiste già............
    per darti un'ultimo suggerimento magari questi motori potrebbero andare a bioetanolo considerando che le benzine attuali della f1 il petrolio non sanno neanche cosa sia e oramai dal lontano 1992 la situazione delle benzine è questa.

    RispondiElimina
  4. Anche quando fu introdotto il KERS(torna l'anno prossimo) si diceva che avrebbe favorito i sorpassi. Penso che molti oggi "chiuderebbero" la valvola Wastegate soprattutto per difendersi come avveniva con il KERS. Ripeto, se non si interviene sull'aerodinamica i sorpassi non li vedremo mai. La gara di oggi è stata la dimostrazione che non basta un rettilineo di 1,2 km per superare...

    RispondiElimina
  5. Mi pare di capire che la fia ha fatto centro con te ma scusa sei convinto che tutte le case costruttrici di motori faranno motori tutti identici?
    visto che tu dici di seguire la f1 dal 1989 ti ricordo che dal 2002 al 2005 il motore ferrari aveva circa 40-80 cv in più del merdeces eppure erano 10 cilindri tutti e due( si ho scritto apposta così)e guardacaso i mondiali si sono vinti in carrozza quello che tu affermi quindi è a dir poco inesatto.
    Ti ricordo inoltre che la scelta scellerata di passare all'8 cilindri attuale è avvenuta su pressioni mercedes e sai perchè ?
    Perchè il motore base che identifica una mercedes
    è un 8 cilindri ( vedi ammiraglie del gruppo)
    Proprio alla luce del gp di ieri non solo Alonso ha avuto problemi a superare Petrov ma Massa poi è il paradosso più evidente la TORO ROSSO di ALGERSUARI aveva un motore ferrari e sorpresa la velocità di quest'ultimo in rettilineo era di 320 km orari solo perchè scarico aerodinamicamente perchè non posso pensare che il motore di Massa era inferiore a quello di Algersuari
    Questo è il risultato che voleva ottenere Mosley
    cioè motori plafonati ( vedi centralina MES ) e che il pubblico che guarda il Gp non distinguesse la bravura dei motoristi con la scusa dei costi ma altresì quella dei telaisti che ieri ci hanno regalato uno spettacolo a dir poco squallido e che dice tutto sul potere politico che oggi riveste la ferrari in sede fia
    Chi ha conosciuto ferrari se solo uno gli diceva che si sarebbe dovuto mettere sui suoi motori delle centraline della concorrenza che ne limitavano le prestazioni vedevi che calci nel culo che arrivavano.................... a chiunque.

    RispondiElimina
  6. Con le regole(blocco dello sviluppo motori) che ci sono oggi quasi tutti i motori sono più o meno identici. Forse sarò ripetitivo, ma se non intervengono sull'aerodinamica e sui tempi di frenata i sorpassi saranno sempre difficili. Puoi anche mettere i motori turbo, ma senza quelle modifiche la valvola Wastegate farebbe la fine del KERS.

    RispondiElimina
  7. mi auguro vivamente che si torni alla motorizzazione turbo con pressione limitata... max 3,5 bar con alimentazione a metanolo e etanolo ricavato da biomasse ,se vogliono con il kers da abinare all'overboost permettendo 3 livelli di potenza, e il ritorno dell'effetto suolo. sarebbe curioso vedere motori mutuati dalla produzione di serie pero' pompati al massimo come fece la bmw con il suo motore f1 turbo.

    RispondiElimina
  8. foglio precisare alcune cose che potrebberoessere non bene interpretate su cio' che ho scritto nel commento precedente, 3,5 di pressione max assoluta corrispondono a 2,5 bar di press relativa che e' quella solitamente indicata e a cui alludevo, e' una pressione ben inferiore ai f1 turbo degli anni 80 dal momento che arrivarono fino a 5 bar in qualifica e 3,5 in gara di pressione relativa. il metano e il nitrometano sono antidetonanti e insieme all'iniezione d'acqua assicurerebbero il raffreddamento del motore e quindi l'affidabilita' piu' che con la benzina, e per quanto riguarda i motori stradali riutilizzati so' benissimo che le attuali motorizzazioni commerciali sono deboli essendo di alluminio al contrario del motore bmw di ghisa che inolre venendo incamiciati per portare la cilindrata a 1500 diventavano granitici . scusate e ciao

    RispondiElimina
  9. Questo è il commento rilasciato dal responsabile per la FIA dei motori ed elettronica
    Gilles Simon è fiducioso: "Credo che lavorando bene si possa definire dei reglamenti che favoriscano lo spettacolo, perché con motori di cilindrata ridotta, sarà possibile abbinare soluzioni ibride utili a ridurre i consumi (tipo le gare di durata) o a cercare le prestazioni (favorendo i sorpassi)".

    L'intenzione è di tenere un occhio aperto sul controllo dei costi: "Ci devono essere regole tecniche per evitare spese inutili – prosegue Simon - un modo per riuscirci è utilizzare componenti di più lunga durata. È possibile anche dotarsi di alcuni elementi comuni, ma è molto importante che vi sia una chiara differenza tra le varie vetture di ogni Costruttore". ( capito Maxso ? )

    Il primo passo per Simon è scrivere le regole della Formula 1 del 2013 entro la fine del 2010. L'ingegnere della Fia ha le idee chiare: "La filosofia è di stabilire una sorta di Formula Consumo. Dato un quantitativo di carburante, il motorista deve costruire il motore più potente, anzi più efficiente possibile. Si tratta di una sfida tecnica che potrà avere importanti ripercussioni anche sulle auto stradali".
    Questo è il commento di Gilles Simon ex motorista ferrari ed oggi responsabile per i motori ed elettronica della FIA speriamo che le sue parole siano veritiere senza ulteriori limitazioni e se fosse così mi cospargo il capo di cenere per i precedenti commenti.
    Poi vorrei esprimere un mio dubbio sulle capacità di motorista dell'ing. Marmorini facendo una considerazione non mi risulta che i motori Toyota abbiano mai primeggiato negli anni in cui c'era come motorista il suddetto Ing e guardacaso all'inizio della stagione i motori di Alonso e Massa avevano dei problemi al castello Valvole tanto da ottenere un permesso Fia per la loro modifica a stagione in corso.
    In Ferrari esiste il miglior motorista che abbia il titolo per fregiarsi di tale nome e cioè l'ING
    JEAN-JACQUES-HIS che in tempi non sospetti ha firmato i motori + riusciti degli ultimi 25 anni ad esempio il V6 Turbo Renault RS 15 quello per intenderci con cui il grande Senna faceva le pole position con la Lotus-Renault fino al 1986 aveva 1200 Hp in qualifica poi lo dico da ferrarista il divino 1500 V6 Turbo con cui nel 1987 al Gp del Giappone fece orinare olio al motote campione del mondo Honda ideò anche il mitico 12 cilindri a v di 65° con il quale davamo la paga a chiunque fino all'infausto 1996 Quando si decise di arrivare al 10 cilindri
    poi nel 1989 tornato in renault disegnò il 10 cilindri con Bernard Dudot e quando la Renault si ritirò tornò in Maserati e indovinate un po' chi fece il motore vincente della MC 12 ?
    esatto.
    domanda perchè è stato relegato ai motori di serie un così valente motorista da competizione dimostrando sul campo che razza d'ing. è ?
    un saluto a tutti

    RispondiElimina
  10. Nel 2013 avremo un motore 4 cilindri di 1.6 litri di cilindrata con iniezione diretta di benzina. Dovrebbe consumare il 35% in meno rispetto all’attuale motore. Il regime massimo di rotazione sarà di 12 mila giri al minuto. Io personalmente abolirei il regime massimo di rotazione. Rimane il mistero della sovralimentazione. Sarà unica come la centralina o ogni motorista se la costruirà in proprio? Riguardo Jean Jacques His, non so il motivo per cui un genio come lui sia relegato ai motori stradali. Seguo la F1 dal 1989, quindi non posso parlare degli "altri" motori di His. Mi ricordo che il V10 Renault aspirato è stato il motore migliore degli anni 90(almeno fino al 1997).

    RispondiElimina
  11. Aver letto i vostri commenti è stato positivo e dilettevole. Occhio e croce forse avrò poco più della metà degli anni vostri, ma so benissimo di cose parlate. Ad otto anni quando i miei amici giocavano a calcio, io guardavo i filmati di Villeneuve e Arnoux. Secondo me per rendere godibile questo spettacolo di sport dovremmo soffermarci su quello DA NON FARE secondo me:

    1) non mettere motori uguali
    2) ritorno dei pit stop con rifornimento
    3) stabilire un tetto di budget molto alto
    4) limiti sulle vetture solo per la sicurezza e il peso

    Ammirando dal vivo il Gran premio di Monza di quest'anno posso dire che i motori della GP2 sono una noia totale e imbarazzante: sono tutti uguali, telai della Dallara...è uno sport amaro secondo me dove la bravura del pilota secondo me è fondamentale, poi vien da sè ovvio che l'aerodinamica e la distribuzione dei pesi conta anche in questo sport. Invece in F1 per esempio si riesce a sentire la differenza di un motore tra le singole macchine.

    Per quello che riguarda i rifornimenti invece c'è più spettacolo, ma soprattutto anche lì si vede un'affinità di squadra e di intesa, senza considerare poi che si potrebbero avere + strategie. Ora il mondiale lo vince la macchina che consuma meno le gomme e il che magari ha anche un senso dato le evoluzioni aerodinamiche, ma non si può limitare la vittoria di un mondiale solo a questo!

    Un tetto alto di budget può far sì che magari i team che vincono un anno tramite sponsor o altro possono aver un bel bottino per l'anno venturo, per cui sarebbe utile limitare per dire i guadagni di Ferrari e Mercedes per dirne due e favorire magari così altri team che magari hanno fatto un bel piano di investimento. Come fai ad entrare in uno sport dove i costi che sostengono i tuoi avversari sono alti anche perchè hanno parecchi sponsor importanti dato il nome storico di queste case sportive? Tu piccola Virgin o Hispania chi ti farebbe da sponsor?

    Analogamente al discorso del budget si collega anche un discorso di limiti: non avendo limiti strutturali su progettazione o budget magari una squadra, pianificando i suoi studi e percorsi, potrebbe decidere se prendere: due piloti forti, oppure un buon motore, oppure un Newey della situazione etc. etc. Il che è molto facile a dirsi in quanto anche qui energerebbero le case che hanno sviluppato ottimi piani di investimento in quanto al primo gran premio già ti sarai reso conto se il tuo pilota, motore o aerodinamica è performante o no!

    Spero che rispondiate!
    CIAO APPASSIONATI!

    RispondiElimina
  12. Il limite al budget già si sarebbe. Il problema è che capire se lo rispettano. Ci sarebbe un modo per rendere più competitive le piccole scuderie. Vendendo i progetti dell'anno prima. Pensa che asta ci sarebbe dei piccoli team per accaparrarsi il progetto della Red Bull dell'anno prima. Tra l'altro in questo modo anche altre scuderie potrebbe entrare in F1. Riguardo ai motori, mi ricordo che nel 1989 c'erano tantissime scuderie che montavano il Cosworth V8. All'epoca anche i piccoli team facevano degli exploit. Secondo me, il vero problema della F1 è l'elettronica e l'aerodinamica esasperata. La prima cosa che farei è abolire il muso alto...

    RispondiElimina
  13. Allora sull'elettronica mi trovi pienamente concorde. parli con uno che manco vorrebbe le previsioni meteo col satellite e i rientri in pista dopo l'uscita dai box calcolati col gps. L'idea della vendita dei vecchi progetti secondo me però non è fattibile perchè primo parliamo di proprietà intellettuale di singole persone a favore di un team (fossi io Newey lo metterei in bacheca a casa mia il progetto ma non lo venderei). Così facendo poi tra l'altro si gareggerebbe con vetture vecchie di un anno ma soprattutto il riccone di turno che vuole entrare in F1 non investirebbe su figure giovani importanti come possono essere i Gardner, i Newey, gli Head o i Byrne della situazione, ma comprerebbe solo il progetto.
    Per quello che riguarda i motori sinceramente sul motore unico non sono concorde perchè i motori della GP2 Renault li ho sentiti e so tutti uguali, la Formula 1 è bella anche perchè ora senti il motore Mercedes che pare che sta ad esplode mentre il motore del Team Lotus pare "smarmittato"....Cmq al di là di questo tu mi parli degli anni del Cosworth DFV, il motore forse più riuscito in F1, ma cmq per me la strada del motore unico non è l'unica. Diciamo che tra team forte e debole deve esserci differenza, ma non dal punto di vista di costi eccessivi irraggiungibili per nuovi team. Non so se mi sono spiegato-

    RispondiElimina
  14. Non ho parlato del motore unico. Ho solo detto che molti anni fa il Cosworth era utilizzato dai tanti team. Se non erro(forse ne dimentico qualcuno), nel 1989 c'erano altri tre motori(Ferrari V12, Honda V10 e Renault V10) oltre al Cosworth V8. All'epoca era anche bella la differenza di cilindrata. I team motorizzati V8 andavano forte sui circuiti tortuosi, mentre la Ferrari "volava" sui circuiti veloci. Una Red Bull vecchia di un anno va certamente più veloce di una nuova Virgin o di una nuova HRT. Tra l'altro, in giro vedo pochi ingegneri innovativi. Nel 1990 Newey progettò la Leyton-House. Capelli stava vincendo il gran premio di Francia con quella vettura. Nella F1 di oggi è difficile vedere un team medio che "indovina" la macchina.

    RispondiElimina
  15. Ma secondo me perchè non trovano vantaggio ad investire su questa risorsa. Anche perchè da quello che ho potuto notare chi progetta le macchine da 10 15 anni a sta parte sono sempre le stesse persone. ormai secondo me vincono quelle scuderie che tralasciano lo sviluppo di una macchina per portare avanti lo sviluppo della successiva (vedi BrawnGP)...Che poi parlando di motori l'anno prossimo ci sarà una situazione come dici te con: Ferrari, Mercedes, Rs 28 della Renault e Cosworth se confermato da Hispania e Virgin! Secondo me anzi, un' esasperazione dell'aerodinamica ma una scomparsa dell'elettronica farebbe emergere bravi piloti e ottimi tecnici. Tra l'altro anche buoni motori per far si di riuscire a stare dietro alle vetture che precedono

    :-)

    RispondiElimina
  16. Non credo sia così. Nel 2009 la Ferrari abbandonò lo sviluppo della vettura per concentrarsi sulla monoposto 2010. Il risultato non è stato un granchè. Piuttosto credo che ci voglia due gruppi di ingegnere. Un pò come faceva la McLaren. Concordo riguardo alla carenza di ingegneri. Non ci sono giovani in giro.

    RispondiElimina
  17. Ma infatti secondo me la Ferrari è stata la scuderia che ha vinto di più nella storia semplicemente primo perchè la tradizione motoristica italiana in generale è molto sviluppata da anni, per cui è sta in F1 da parecchio tempo e secondo tutte le varie vittorie che ha ottenuto con Schumacher quand'era gommata Bridgestone, le ha ottenute in quanto questa casa produttrice di pneumatici testava le gomme sulla Ferrari e le rivendeva agli altri team, per cui la Ferrari era notevolmente avvantaggiata rispetto ali altri. Ma insomma tutto questo per dirti che secondo me le macchine Ferrari competitive nella storia che veramente lo erano sono state ben poche!
    Oltretutto mettici che la Ferrari è quasi un'azienda statale per cui ha goduto di molte agevolazioni nell'arco degli anni.

    RispondiElimina
  18. La Ferrari ha vinto pure quando c'era la "battaglia" delle gomme tra Bridgestone e Michelin. Nell'epoca d'oro la Scuderia di Maranello ha sfornato macchina super competitive(vedi la monoposto del 2002 e del 2004). Rory Byrne non ha nulla da invidiare a Adrian Newey. In Italia quasi tutte le aziende godono di agevolazioni.

    RispondiElimina
  19. Beh diciamo che Newey ha qualche titolo in più in bacheca a conti fatti......cmq è anche vero che le Michelin non riuscirono ad essere competitive e comunque non avevano quel background che aveva la Bridgestone!
    Per quello che riguarda l'organigramma Ferrari, diciamo che secondo me non sfrutta le sue capacità produttive. E' un'azienda principe in Italia, per cui non dovrebbe essere inferiore davanti alle vecchie mclaren non motorizzate mercedes, alle RBR o alle vecchie Williams!

    RispondiElimina
  20. Più che altro potresti dire che Newey ha vinto con tre team diversi(Williams, McLaren e Red Bull). Tra il 2001 e il 2006 le Michelin erano super competitive. Il problema è che forniva troppi top team, mentre la Bridgestone puntava tutto sulla Ferrari. Secondo me, deve tornare Montezemolo a tempo pieno per riportare nuovamente al vertice la Ferrari.

    RispondiElimina
  21. Considerando le sole vittorie di Newey in Formula 1 e i successi di Byrne in tutte le categorie, Newey ha vinto di più. Per cui restano fuori i titoli Cart e americani vinti da Newey fuori dalla Formula 1 (Newey per svariati anni è stato lontano dalla F1).....
    La fortuna della Ferrari è stata proprio questa forma di prelazione e coccole che le riservava la Bridgestone e non il lavoro di Montezemolo, che se fosse veramente competente in qualche materia, farebbe viaggià finalmente i treni della NTV, invece di fre il finto politico. Ma queste cmq sono opinioni personali che esulano dal discorso F1.

    RispondiElimina
  22. I treni NTV debutteranno nel 2012. Montezemolo non deve fare politico. Non ho molta fiducia degli imprenditori che fanno politica. Secondo me, tu sottovaluti il potenziale della F2002 e della F2004. Queste due vetture sono state due gioielli come la FW14B(Williams 1992) e la MP4/4(McLaren 1988).

    RispondiElimina
  23. Non lo metto in dubbio che so state due gioielli, ma magari so stati gli unici due gioielli di Maranello!

    RispondiElimina
  24. Ma ci sono state. Questo è quello che conta. Vedo che non l'hai sottolineato, la FW14B fu disegnata da Adrian Newey. Altro non era che la macchina del 1991 con le sospensioni attive.

    RispondiElimina
  25. Sospensioni attive che erano un' invenzione Lotus di qualche anno prima. Per me però i gioiellini Ferari sono stati tali anche perchè come ho detto era coccolata dalla Bridgestone. Per quello che riguarda Newey e Byrne cmq Newey ha vinto di più e in condizione di maggiore competizione tra team

    RispondiElimina
  26. Per l'esattezza, la prima vittoria con sospensione attive è di Senna nel gran premio di Monaco 1987. Non ti dimenticare che Byrne ha vinto anche con la Benetton. Comunque, Newey e Byrne sono due grandi tecnici. A proposito, si dice che l'australiano dovrebbe fare da consulente ai progettisti attuali della Ferrari. Vedremo.

    RispondiElimina
  27. Infatti nell' 87 Senna stava in Lotus con Nakajima se non sbaglio. Cmq fatti due calcoli: Byrne tra serie minori e Formula 1 ha vinto meno di Newey! Poi ovvio Byrne non è un povero dilettante, ma i modelli Ferrari voglio farti capire, che sono stati molto efficienti in gran parte perchè aveva le "gomme fatte in casa" se si può dire.
    Guarda sarebbe un bel ritorno per questo sport, anche se spero di più che l'accoppiata Coughlan e Somerville possano rendere "da punti" la Williams.

    RispondiElimina
  28. Forse sarebbe meglio dire che la Ferrari sfruttava meglio le Bridgestone. Nel 2004 la Ferrari con la F2004 aveva gli stessi problemi di gomme che ha avuto quest'anno. Le gomme non andavano in temperatura con le basse temperature. Nel gran premio del Belgio di quell'anno Schumacher persa la gara(a vantaggio di Raikkonen) proprio per questo problema. Nonostante questo problema, la Ferrari vinse 15 gare.

    RispondiElimina
  29. No la Ferrari non sfruttava meglio la Bridgestone,ma la Bridgestone si basava esclusivamente sui dati Ferrari per test e quant'altro e questo sta scritto dappertutto, dal più commerciale Wikipedia ad altri svariati siti che si occupano di Formula 1.

    RispondiElimina
  30. Nell'autunno del 2010 alcuni team si erano lamentati perché sostenevano che la Pirelli avrebbe favorito la Ferrari. Invece, la Scuderia di Maranello è l'unico top team ad andare in crisi che le gomme medium e dure. Seguendo la tua tesi, allora la Ferrari avrebbe dovuto dominare anche nel 2005. Pensa la Bridgestone forniva solo tre team in quella stagione...

    RispondiElimina
  31. Beh si vede che la Ferrari non è un buon team come sostengo io se non è riuscita a sfruttare le molteplici occasioni invece di prenderci le botte nel momento che trovava un pilota medio, un altro team competitivo e gomme efficienti, COME NON LO ERANO LE MICHELIN VISTO CHE DOPO 10 GIRO CALAVANO DI PRESTAZIONI. Le Michelin avevano l'unico vantaggio che quando foravano la carcassa rimaneva tale da permettere alla macchina di rientrare ai box abbastanza facilmente. Cmq resta il fatto che quello che dico sui favori della Bridgestone non è una mia invenzione, tant'è che hanno creato una partnership!

    RispondiElimina
  32. Vabbè, credo che non arriveremo mai ad un punto concorde...

    RispondiElimina